Rss

  • linkedin

Archives for : Sensori

QWIIC CONNECT SYSTEM: il nuovo sistema di SparkFun

Introduzione a QWIIC CONNECT SYSTEM

SparkX-Skinny

Lo SparkFun Qwiic connect system è un nuovo ecosistema di sensori I2C, attuatori, shields e cavi che rendono la prototipazione veloce e meno soggetta a errore di Sparkfun.

Qwiic_Uno_Shield_06

   QWIIC Shield for Arduino collegato all’accelerometro QWIIC - l’MMA8452
      e una QWIIC Adapter board con una SparkFun BME280 Breakout

QWIIC usa un un connettore JST a 4 poli con un passo comune da 1.0mm (parte #: SM04B-SRSS). Questo riduce la quantità di spazio di PCB necessario e le connessioni polarizzate significa che non ci si può collegare male.

È inoltre possibile adattare i vostri prodotti SparkFun I2C pre-esistenti utilizzando l’adattatore QWIIC.

Connettore polarizzato

Quante volte avete scambiato i fili SDA e SCL sulla breadboard sperando che il sensore cominci a lavorare? Il connettore Qwiic è polarizzato per essere sicuri di collegare correttamente i fili, ogni volta  e fin dall’inizio.

Qwiic_Cable_06Qwiic_Cable_05

Nessuna saldatura richiesta

I cavi si collegano facilmente tra le schede ed il lavoro di messa in opera d’un nuovo prototipo si effettua rapidamente. Attualmente sono offerte tre diverse lunghezze di cavi Qwiic, esiste anche un cavo compatibile con la breadboard per collegare qualsiasi scheda Qwiic a qualsiasi altra cosa. Inizialmente potrebbe essere necessario saldare dei piedini sullo shield per collegare la piattaforma al sistema Qwiic ma una volta fatto, è plug and go!

Concatenamento a corolla ammesso

È il momento di sfruttare la potenza del bus I2C! La maggior parte delle schede Qwiic dispongono di due o più connettori che consentono di collegare più sensori.

Qualcosa sul pin INT

Sono stati scelti deliberatamente quattro conduttori per aumentare la fruibilità dell’uso dei cavi di interconnessione, minimizzare il costo dei connettori, e limitare l’impronta PCB. Tutte le schede con opzioni di pin aggiuntivi (come ad esempio gli interrupt, la selezione degli indirizzi, la modalità di risparmio energetico, ecc.) avranno questi pin suddivisi con fori a 2.54mm così l’utente finale potrà, se lo desidera o è necessario,  aggiungere connessioni in più.

Qual è il Pinout Again?

Tutti i cavi Qwiic seguono il seguente schema colori/disposizione:

  • Nero = Terra
  • Rosso = 3.3V
  • Blu SDA
  • Giallo SCL

Che ne è della carta da 5V?

In futuro sarà possibile implementare una scheda DC buck / boost, ma attualmente Qwiic supporta solo le schede da 3.3V. Oltre il 90% dei prodotti  I2C sono da 3.3V, e il mercato della tecnologia sta accelerando questa tendenza.

Funziona con le schede SparkFun I2C esistenti

Qwiic_Adapter_Breakout_5

Che cosa succede se si dispone di sensori e componenti di SparkFun? SparkFun ha messo in atto la piedinatura GND / VCC / SDA / SCL di serie su tutte le schede I2C già da molti anni. È quindi possibile collegare un adattatore Qwiic col sensore o l’attuatore  SparkFun I2C sul sistema Qwiic.

Qui di seguito l’elenco delle schede che hanno la piedinatura I2C standard e lavorano con la scheda dell’adattatore QWIIC (clicca sul prodotto per attivare il link):

Trovate tutta la linea Qwiic sul nostro sito Wearable Electronics For Fashion

 

Come progettare e realizzare la propria “Stazione di monitoraggio del buon sonno”

Si è realizzato un tutorial per creare un “posto di monitoraggio” del sonno per aiutarvi a massimizzare il vostro riposo notturno. Monitorare l’ambiente in cui dormiamo e combinare il tutto ai dati della frequenza cardiaca si può rivelare molto importante per ben riposare.

Spendiamo un terzo della nostra vita dormendo, e la qualità del nostro sonno può avere un grande impatto su come ci sentiamo durante il giorno. Durante il nostro sonno risulta naturalmente difficile valutare con precisione quanto siamo comodi. Gli studi sul sonno sono un modo per ottenere dati precisi sulla qualità del nostro riposo, ma non è sempre facile farli funzionare! Possiamo fare del  fai-da-te?

Monitorare l’ambiente in cui riposiamo e combinare il tutto ai dati della frequenza cardiaca può rivelarsi fondamentale per ben riposare. Si è realizzato un tutorial per creare un “posto di monitoraggio” del sonno per aiutarvi a massimizzare il vostro riposo notturno.

Temperatura – La temperatura ideale per il sonno è confermato essere a circa 18.30°C. Dormire con temperature troppo lontane da questa potrebbe accorciare la durata del sonno e  ridurne notevolmente la qualità.

Umidità – L’umidità dell’aria è un altro fattore di benessere. Il 45% di umidità dell’aria è il punto ottimale ma comunque un’aria cha conta tra il 30% ed il 50% di umidità offre una buona notte di riposo.

Luce/Lux – La più parte degli umani desidera dormire nel buio più assoluto e, comunque, non sopporta eventuali disturbi luminosi. La registrazione dei livelli di luce durante tutta la notte può aiutare a individuare eventuali disturbi regolari come i fari delle automobili, la luna piena, le luci del portico, ecc..

Rumore – Il rumore regolare o casuale può disturbare il nostro risposo. Il traffico, un vicino, il russare del partner sono elementi che subiamo inconsciamente e non riusciamo a quantificare.

Frequenza cardiaca – La frequenza cardiaca bassa indica un corpo che riposa. Varia da persona a persona ma in generale significa che si stanno  recuperando energie e che ci si prepara a ripartire. Una frequenza cardiaca più elevata del normale indica che  si ha bisogno di ulteriore riposo. L’HR può essere utilizzato per individuare i diversi stati di sonno REM.

Questo tutorial vi spiegherà come creare una “stazione di rilevamento” per monitorare voi stessi e l’ambiente intorno a voi e darvi la possibilità di leggere i dati e rimediare a tutti i disturbi che vi impediscono di dormire correttamente.

Wearable Electronics For Fashion ha creato l’esclusivo KIT WEFF 10   che comprende tutti i componenti elettronici ed in più un Tutorial PDF in Italiano pieno di link e foto che vi condurrà passo-passo nella costruzione del vostro monitor del buon sonno. Potete trovare il kit  qui.

Come sempre vi esortiamo ad utilizzare il Kit ed il tutorial compreso come punto di partenza, quindi sperimentate  e sviluppare il  progetto base per qualsiasi altro uso fantastico.

Il kit comprende:

Buon lavoro e buona notte!

 

Fonte: Adafruit Industries

LA TERMOCOPPIA

Cosa è, come si cabla e come si usa una Termocoppia tipo K. Il Tutorial in tre capitoli più FAQ ed esempi tutto in Italiano.

Capitolo 1.

  • Cosa è una Termocoppia di tipo K

Una Termocoppia è un tipo di sensore di temperatura.

A differenza dei sensori di temperatura a semiconduttore come il TMP36, le termocoppie non hanno dell’elettronica al loro interno, sono semplicemente realizzati saldando insieme due fili metallici. A causa di un effetto fisico dei due metalli uniti, c’è una leggera ma misurabile tensione attraverso i fili che aumenta con la temperatura. Il tipo di metalli utilizzati influisce sulla gamma di tensione, il costo e la sensibilità, ed è per questo motivo che ci sono differenti tipi di termocoppie. Il miglioramento principale dell’utilizzazione di una termocoppia su un sensore semiconduttore o termistore consiste nella gamma di temperatura che è fortemente aumentata. Ad esempio, il TMP36 può andare da -50 a 150°C, al dopo di che il chip stesso potrebbe danneggiarsi. Le termocoppie comuni d’altra parte, possono andare da -200°C a 1350°C (tipo K) ed esistono anche quelle che possono andare oltre i 2300°C!

Le termocoppie sono spesso usate nei sistemi HVAC, stufe e caldaie, forni, ecc. Esistono vari tipi diversi di termocoppia, ma questo tutorial discuterà del tipo K, che è molto comune e più facile usare.

Una difficoltà nel loro impiego è che la tensione da misurare è molto piccola, con cambiamenti di circa 50 uV per °C (a UV è 1/1000000 Volts). Anche se  è possibile leggere queste tensioni si utilizza un alimentatore pulito e curato Op-amp, ci sono altre complicazioni, come una risposta non lineare (la sua non sempre 50uV/°C) e la compensazione a freddo della temperatura (l’effetto misurato è solo differenziale e deve esserci un riferimento, come la terra è un riferimento per la tensione).

Questa è per una termocoppia di tipo K con super brasatura in vetro

  • Dimensioni: 24 calibro, 1 metro di lunghezza (si può accorciare se si desidera semplicemente tagliandola)
  • Si acquista  presso il negozio WEFF 
  • Campo di temperatura: da -100°C a 500°C (Oltre questo valore la super brasatura in vetro può essere danneggiata)
  • Campo di uscita: da -6 a + 20mV
  • Precisione: + -2°C
  • Richiede un amplificatore come MAX31855 
  • Interfaccia: MAX6675 (fuori produzione) MAX31855, o AD595 (analogico)

Il tutorial completo sempre in Italiano formato PDF pieno di foto e link verrà inviato gratuitamente a coloro che acquisteranno insieme su WEFF almeno un Thermocouple Amplifier MAX31855 breakout board (MAX6675 upgrade) – v2.0 più una Thermocouple Type-K Glass Braid Insulated – K.

Qui di seguito vi indichiamo i titoli dei capitoli che troverete all’interno del tutorial:

  • Cablaggio della Termocoppia
  • Utilizzo della Termocoppia
  • FAQ
  • Esempi di progetti
tutorial-termocoppia

Termocoppia tipo K + Amplificatore di termocoppia

 

Fonte: Adafruit Industries

Come creare un dispositivo elettronico che suona l’allarme quando un oggetto viene spostato

KIT esclusivo WEFF 08 per realizzare da soli un dispositivo che dà l’allarme quando qualcuno tocca un oggetto.

Tutti noi  possediamo qualcosa che desideriamo non venga mai toccato! Il diario segreto, il giornale la mattina, un oggetto prezioso o fragile può essere collocato sopra questo dispositivo e questi farà suonare un allarme quando l’oggetto viene spostato.

thumbnail
Questo kit permette di realizzare un progetto semplice e divertente,  adatto anche ad un principiante, che utilizza Circuit Playground per creare un’allarme che viene attivato con la luce. Si utilizzano i sensori già presenti su Circuit Playground. Gli unici elementi aggiuntivi necessari sono  un supporto per le batterie e le batterie stesse.

Il tutorial in formato PDF in Italiano pieno di foto, schemi e link vi guiderà passo a passo e vi fornirà tutte le istruzioni necessarie per ben portare a termine il progetto.

Come sempre vi esortiamo ad utilizzare il Kit WEFF 08 ed il tutorial compreso come punto di partenza, quindi sperimentate il progetto inserendolo in un  accessorio oppure per qualsiasi altro uso fantastico.

Il KIT WEFF 08 comprende:

Vi mancano solo 3  batterie AAA (che avrete in casa o potete trovare in cartoleria, tabaccheria….)

Fonte: Adafruit Industries

Come realizzare un rilevatore portatile per verificare la presenza di livelli pericolosi di gas

TUTORIAL PER CREARE UN MONITOR “CANARINO” CONNESSO AL WEB (GPL, METANO, CO)

Utilizzando un microcontrollore le letture fatte dai sensori vengono convertite in parti per milione (‘PPM’) e, stabilita la sensibilità che volete impartire al vostro monitor, si accenderà un allarme acustico o luminoso.

Questo tutorial è molto interessante per studiare qualità dell’aria e capire come cambiano i livelli dei gas, e perché. Possiamo approfittare per comprendere i vari gas che si trovano nel nostro ambiente di lavoro, in casa, in giardino….e cosa rende alcuni di loro così tanto pericolosi.

Tutti i componenti che servono per realizzare questo rilevatore sono in vendita nel nostro e-shop Wearable Electronics For Fashion.

Il Tutorial, in formato PDF, è tutto in Italiano, pieno di foto e con tutti i link necessari per la programmazione, verrà inviato gratuitamente a tutti i gentili clienti che acquisteranno i tre sensori di gas:


Carbon-Monoxide-Sensor-MQ-7-09403-01-400x350Carbon Monoxide Sensor – MQ-7

SENSORE DI MONOSSIDO DI CARBONIO – Questo è un sensore di monossido di carbonio (CO) semplice da usare, adatto per rilevare le concentrazioni di CO nell’aria. L’MQ-7 è in grado di rilevare le concentrazioni di gas-CO da 20 a 2.000 ppm. Questo sensore ha un’alta sensibilità e dei tempi di risposta rapidi. L’uscita del sensore è […]

Methane-CNG-Gas-Sensor-MQ-4-09404-01-400x350-1LPG Gas Sensor – MQ-6

SENSORE DI GAS GPL – MQ-6 Questo è un semplice sensore di gas di petrolio liquefatto (GPL) ed è adatto per rilevare concentrazioni nell’aria di GPL (composto prevalentemente da propano e butano). L’MQ-6 è in grado di rilevare ovunque le concentrazioni di gas da 200 a 10000ppm. Questo sensore ha un’alta sensibilità e dei tempi di […]

Methane-CNG-Gas-Sensor-MQ-4-09404-01-400x350

Methane CNG Gas Sensor – MQ-4

SENSORE DI GAS METANO –  Questo è un semplice sensore da usare con il gas naturale compresso (CNG), adatto per il rilevamento di gas naturale (composto principalmente da metano ‘CG4’) nelle concentrazioni d’aria. Questo sensore ha un’alta sensibilità e dei tempi di risposta rapidi. L’uscita del sensore è una resistenza analogica. Il circuito di razionamento è […]

FinalMonitor_Outside1

Come realizzare un indumento che suona l’allarme quando restiamo troppo esposti al Sole.

TUTORIAL per creare un cappello (o un costume da bagno o un telo da mare) che ci avverte con un segnale sonoro quando dobbiamo rinnovare lo strato della nostra crema solare.

Praticamente verrà illustrato, passo-passo, il procedimento per costruire un circuito indossabile che grazie ad un sensore ed attraverso un microprocessore rileva la quantità di raggi UV e, quando questi superano una soglia prestabilita e personalizzata, si innesca un dispositivo sonoro.

 

È Primavera e finalmente iniziamo a riporre i maglioni ed i cappotti! Finalmente possiamo goderci i caldi raggi solari e, perché no, iniziare a pensare alla “tintarella” senza passare per i centri di abbronzatura artificiale.
Attenzione però! Il nostro amato Sole può causare antipatici rossori cutanei se non addirittura ustioni più o meno gravi. Per ovviare a ciò cospargere sempre, prima e durante ogni esposizione, uno strato compatto di ottima crema solare adatta al nostro fototipo di pelle.
Il problema è che spesso ci dimentichiamo di ripetere l’applicazione della crema solare e questo non va bene!
Per aiutarvi a ricordare quando dovete mettere nuovamente la vostra crema solare ecco un progetto che vi spiega come realizzare un circuito che fa da promemoria e vi aiuta a preservare la salute della vostra pelle. Tutto attraverso il vostro normale cappello o (per esempio il costume da bagno o il vostro telo da mare).

STRUMENTI E FORNITURE

kit cappello da Sole 02

Questo circuito da cucire usa un microcontrollore FLORA insieme ad un sensore per l’indice UV (Ultra-Violetti) compatibile.
Una volta captati i raggi solari li analizza e trasmette un suono tramite un cicalino piezo-elettrico, che vi avverte quando dovete spalmare un nuovo strato di crema solare protettiva.

Questo è un buon progetto per i principianti, perché è realizzato con pochi componenti e non richiede alcuna saldatura.

Il Kit per esposizione ai raggi UV che trovate in esclusiva sul nostro e-commerce  è perfetto per questo progetto.

Questo kit è stato creato da Wearable Electronics for Fashion e contiene tutte le forniture necessarie (eccetto il cappello), bastano un paio di strumenti basici in più e potete mettervi subito a lavoro.

Se non disponete del Kit per esposizione ai raggi UV avrete bisogno di:

Avrete bisogno in ogni caso di:

  • Un cappello (un costume da bagno o un telo da mare) su cui realizzare il circuito (mai compreso nel kit)
  • Forbici
  • Pinze
  • Smalto trasparente
  • Filo normale per cucire

COSTRUZIONE …

Il tutorial completo in PDF sarà inviato a tutti i gentili clienti che acquisteranno il Kit per esposizione ai raggi UV  presso Wearable Electronics for Fashion .

 

Come attivare un progetto di wearable electronics con l’elettricità prodotta dai nostri muscoli?

Tutorial per l’uso del sensore muscolare MYOWARE di Adafruit.

Volete attivare il vostro progetto, flettendo un bicipite, alzando un sopracciglio, o stringendo un pugno? Il sensore muscolare MyoWare può aiutarvi a realizzare questo obiettivo.
Questo sensore utilizza l’EMG (Elettromiografia) per rilevare l’attività elettrica dei muscoli. Esso converte in una tensione variabile quello che può essere letto sul pin di ingresso analogico di qualsiasi microcontrollore.

Tutorial MyoWare 01

Per realizzare questo progetto avrete bisogno di vari prodotti di seguito elencati e tutti sono disponibili sul nostro e-commerce Wearable Electronics for Fashion

Quello di cui avete bisogno per questo tutorial:

* MyoWare Muscle Sensor
* EMG Electrodes 
* Adafruit Feather 32u4 Basic Proto (o un altro Arduino compatibile che ha dei pin d’ingresso analogico)
* Bredboard
* Una striscia di (3) ponticelli di fili maschio/maschio
* Fili isolanti con copertura in silicone
* Adafruit USB isolatore
* USB mini cavo
* USB micro cavo
* E6000 o un adesivo a presa rapida (in opzione)
* Fascetta stringi-cavo

PREPARAZIONE DEL SENSORE

Tutorial MyoWare 02

 

Per collegare il sensore muscolare ad una breadboard avete bisogno di aggiungere alcuni fili. Scoprite come fare questo nei passaggi riportati di seguito.

Il terzo elettrodo è collegato al circuito con un filo nero. Anche se questa connessione è già abbastanza robusta, si può rinforzare con della colla se si pensa che sarà sottoposta ad uno sforzo ripetuto.

Tutorial MyoWare 03

Spellate le estremità dei fili rivestiti in silicone e con il saldatore rivestite di stagno le punte.

Tutorial MyoWare 05

 

Tutorial MyoWare 06

Tagliate all’esterno i piedini su una delle estremità della striscia a 3 ponticelli.

Separare e spellare le estremità appena esposte dei ponticelli. Mettete un breve tubo di termo-restringente su ogni estremità del filo rivestito di silicone. Portate le estremità esposte insieme.

Saldate le estremità che sono insieme a vista dei fili rivestiti in silicone con i fili a ponticello.

Coprite con del tubo termo-restringente ed usate una pistola termica per fissarlo in posizione.

Tutorial MyoWare 07

Tutorial MyoWare 08

Intrecciate i fili rivestiti di silicone e fissateli con una fascetta serra-cavi.

Tutorial MyoWare 09

Utilizzate una ‘terza mano’ per fissare la scheda del sensore MyoWare e le estremità esposte del filo rivestito di silicone .

Tutorial MyoWare 10

Saldate sul posto. Assicuratevi di abbinare il filo rosso al ‘+’ e quello che torna sul ‘-‘, ed il colore restante su ‘SIG’.

Tutorial MyoWare 11

Tutorial MyoWare 12

I l vostro sensore muscolare MyoWare è pronto per l’utilizzo!

IL CIRCUITO

Ora che il vostro sensore è pronto potete andare avanti ed assemblare il circuito. Dovrebbe essere simile a questo:

Tutorial MyoWare 14

Le connessioni che vengono effettuate sono le seguenti:

  • MyoWare ‘+’ al Feather 3V
  • MyoWare ‘-‘ al Feather GND
  • MyoWare ‘SIG’ al Feather A0

In questo circuito è incluso anche un Adafruit USB Isolator. Esso è collegato al computer tramite un cavo mini USB ed è collegato al Feather utilizzando un cavo micro USB.

È estremamente importante prendere delle precauzioni di sicurezza durante l’uso di sensori che si collegano direttamente al vostro corpo. L’isolatore USB fornisce la protezione contro eventuali sovratensione o picchi imprevisti. Questo è necessario solo se si indossa il sensore, mentre il circuito è ancora collegato al computer. Non è necessario se voi non siete collegati alla batteria.

Tutorial MyoWare 15

IL CODICE

Tutorial MyoWare 16

Questo sensore fornisce un segnale analogico che può essere letto da un ingresso analogico sul microcontrollore, così come sono utilizzati molti dei sensori più comuni.

È sufficiente aprire Arduino IDE ed andare su File -> Examples -> 01.Basics -> AnalogReadSerial. Poi caricare il codice sulla vostra scheda Feather.Tutorial MyoWare 17

POSIZIONAMENTO DEGLI ELETTRODI

Una volta che il codice è stato caricato si è pronti per iniziare il rilevamento. Ci sono molti muscoli che è possibile controllare tramite questo sensore – in pratica quasi tutti quelli che si trovano più in superficie. Il sensore deve essere sempre collocato lungo la lunghezza del muscolo, con il primo elettrodo più vicino ai collegamenti elettrici posizionato al centro del muscolo e il secondo elettrodo sul circuito della carta verso la fine del muscolo. Il terzo elettrodo attaccato al filo nero deve essere collocato lontano dal muscolo che viene rilevato.

Per questo esempio faremo un poco di rilevamento sull’avambraccio che è un ottimo muscolo per fare una prova di misurazione quando stringete il pugno. Seguite attentamente i prossimi passaggi per riuscire nel vostro esperimento.

Aggiungere degli elettrodi a tutti e 3 i connettori sul sensore. Rimuovete la protezione di carta dei due elettrodi sulla scheda del circuito.

Tutorial MyoWare 18

Tutorial MyoWare 19

Pulire la pelle con dell’alcool per rimuovere eventuale grasso, sporco, creme o profumo.

Tutorial MyoWare 20

Mettere la scheda del circuito in posizione. Il lato della scheda del circuito con i fili dovrebbe essere vicino al centro del muscolo e l’altro lato dovrebbe essere vicino alla fine del muscolo.

Tutorial MyoWare 21

Rimuovere la pellicola di carta fuori dall’elettrodo sul filo nero e metterlo da qualche parte lontano dal muscolo mentre voi state rilevando.

Tutorial MyoWare 22

Il sensore è a posto e siete pronti per il rilevamento!!!

I VALORI DEL SENSORE

Ora che il circuito è stato creato, il codice caricato, e il sensore posto sul muscolo si è pronti per iniziare a guardare alcuni dei valori del sensore.

Aprire il Serial Monitor di Arduino e stringete il pugno. Ogni volta che flettete il muscolo i valori dovrebbero salire e dovrebbero scendere quando rilasciate il muscolo.

Tutorial MyoWare 23

Tutorial MyoWare 24

E dopo

Ora che avete installato il sensore MyoWare e che funziona potete iniziare a riflettere su tutto ciò che potete fare con esso. Eccovi qualche idea da provare:

  • Utilizzate i valori del sensore per accendere un LED o far girare un motore quando flettete il braccio.
  • Consultate la posizione degli elettrodi EMG e provate a rilevare degli altri muscoli.
  • Controllate la scheda tecnica del sensore  per saperne di più su di esso.
  • Immaginate la cosa la più grande e la più piccola che si potrebbero fare accedendo alla flessione dei muscoli.

 

Ricordate che tutti i prodotti sono disponibili sul nostro e-commerce Wearable Electronics for Fashion

Tutorial MyoWare 25

 

Tutorial MyoWare 26

Fonte: Kate Hartman (Adafruit)

Protetto: SENSORE A OSCILLAZIONE (TILT SENSOR)

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Protetto: Sensore di luminosità per tecnologia indossabile.

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Protetto: Accelerometro, giroscopio e magnetometro in un unico sensore!

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password: